Una nuova avventura con il teatro di figura per adulti


Gigio Brunello e Giulio Molnar firmano la regia e il testo.
I burattini e le scene sono di Brina Babini.

Comincia con il desiderio di maternità di Teresina lo spettacolo che Gigio Brunello e Giulio Molnar hanno scritto dopo aver visitato, su invito di Luca Ronga, il suo teatrino delle guarattelle.
Muovendosi tra quinte, retropalco e camerini immaginari hanno raccolto indizi.
Perché la morte torna sempre da Pulcinella a farsi picchiare?
È vero che Pulcinella i figli se li partorisce da sé?
Che strano burattino è Teresina che mani di burattinaio non hanno mai sfiorata.
Il racconto è affidato alla figlia della Morte che ormai vecchissima rievoca i giorni lontani dell’infanzia trascorsi in un basso della città di Napoli.
C’era nel quartiere anche una scuola di recitazione tenuta dal professor Balanzone e una casa dalla quale stare alla larga, la casa del padre assente, l’amato-odiato, il protagonista di sempre: Pulcinella.
Una “tragicommedia” dove i personaggi non si sottraggono al loro destino di guarattelle.
Le guarattelle saranno schermo dei loro sentimenti.
Se tornano a picchiarsi è per divertire il pubblico ma soprattutto per tener ben nascosti gli antichi segreti di quest’arte.


one comment

  1. giorgia vezzani

    Interessante!

TEATRO DI FIGURA
Viene denominato teatro di figura quella particolare arte teatrale che utilizza burattini, marionette, pupazzi, ombre, oggetti, come protagonisti dello spettacolo teatrale e segni di un linguaggio fortemente visuale e sensoriale.
ABOUT ME
I miei attori di legno si riposano nei bauli e si risvegliano nei teatri, nelle piazze e nei festival di tutta Europa e a volte sono affiancati da attori, musicisti, narratori, burattinai, registi e personaggi assurdi, con mia grande contentezza.
 
Alcuni riconoscono nelle mie mani e nella mia voce una preziosa abilità: dare vita a figure che non la possiedono.
CONTACT
Per qualsiasi informazione su date, spettacoli e workshop scrivere a: info@lucaronga.com